Il Comune di S. Margherita Belìce a 51 anni dal sisma manifesta a Roma: “Una ferita ancora aperta”

Il prossimo 15 gennaio, nel giorno del 5lsimo anniversario del sisma del 1968 che portò lutto e distruzione nella Valle del Belìce, il Consiglio comunale di Santa Margherita di Belìce si riunirà alle ore 10:30 a Roma, in Piazza Montecitorio

Un’iniziativa simbolica, che negli intenti del sindaco del piccolo comune belicino Franco Valenti “mira da un lato a mettere in evidenza la continua disattenzione della classe politica nazionale su una vicenda ormai imbarazzante, e dall’altro a far comprendere all’opinione pubblica italiana, spesso volutamente disinformata, la vera storia del terremoto del Belìce. Rivendicheremo con forza – aggiunge Valenti – i diritti di una laboriosa comunità bistrattata, offesa ed abbandonata”.

La singolare seduta consiliare in trasferta romana vuole rappresentare una protesta formale nei confronti del Parlamento per la mancata previsione di somme, all’interno dell’ultima legge di Bilancio, necessarie al completamento della ricostruzione.

Precedente Sciacca. Coop. Arcobaleno: nasce la casa di riposo per anziani con 61 posti residenziali e 40 diurni Successivo Sciacca. Maggioranza al Centrodestra: “l'attacco sullo sport ha davvero dell'incredibile”

Lascia un commento

*