M5S Sciacca: “Giunta Valenti fallimentare e chiusa alle proposte del movimento”

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa del M5S di Sciacca, nella quale soottolinea “un anno di fallimenti dell’amministrazione valenti e nessuna apertura alle proposte del movimento”

“Peggio di una squadra che non sa amministrare, – scrivono dal M5S – è una squadra che non si apre nemmeno alle proposte concrete, ragionate, dotate persino di progetti tecnici, che arrivano dall’opposizione.
Il risultato è una città allo sbando, non amministrata, alla quale manca non solo una visione per il futuro, ma anche un’idea di presente.

E’ accaduto con le Terme, il M5S aveva messo a disposizione della città le professionalità del suo gruppo e preparato un cronoprogramma con fasi ben distinte, per non arrivare impreparati davanti alla Regione e prendere, anzi, in mano la situazione. L’amministrazione boccia la proposta e dopo un anno ci ritroviamo col solo ricordo di vuote promesse elettorali e il nulla di fatto: Terme chiuse, grotte di San Calogero non trasferite, bando preparato dalla Regione.

E’ accaduto con il tappetino del Parco giochi alla Perriera; il M5S aveva messo a disposizione le competenze del proprio gruppo e regalato all’amministrazione un progetto tecnico per la realizzazione di una pavimentazione anti-trauma per rendere il parco giochi prima di tutto un luogo sicuro. In questo caso il M5S si era anche messo a disposizione per finanziare per intero i lavori. L’amministrazione puntualmente boccia la proposta e le pessime condizioni in cui versa ancora oggi il parco giochi è ahinoi sotto gli occhi di tutti e, peggio ancora, sotto i piedi dei nostri bambini.

E’ accaduto con tantissimi altri problemi per i quali il M5S aveva trovato soluzioni, o comunque sicuramente risposte studiate, fattibili e concrete, ma rimaste del tutto inascoltate dall’amministrazione Valenti, come randagismo, rifiuti, acqua, parco vita e non per ultima la proposta sulla ZTL.

Proposta che fu lanciata 1 anno fa e che è rimasta inascoltata lasciando spazio al vuoto, alla totale mancanza di organizzazione, al caos di clacson e motori rombanti che coprono la musica di artisti locali che si esibiscono, o tentano di farlo, come piccoli eroi nel centro storico della città per allietare le calde serate di turisti e saccensi.

Ci chiediamo allora, è questo ciò che “gli esperti della politica” sanno fare?

Dopo un anno di amministrazione Valenti: ponte chiuso, Terme chiuse, biblioteca chiusa, stadi chiusi, spiagge inaccessibili e non un euro speso per la cultura, un piano ARO del tutto insoddisfacente per il quale è stato applicato il metodo “forte con i deboli e debole con i forti”, tasse aumentate, l’acqua che continua a mancare in case abitate da bambini e anziani nonostante il nostro sindaco sia diventato il presidente dell’ATI, ZTL e segni di “città turistica” sono diventati ormai un lontano ricordo.

Eppure un anno fa i cittadini avevano affidato la propria fiducia agli “esperti della politica”. Ma forse, più che di discutibile “esperienza”, Sciacca ha bisogna di concreta “competenza”.

Precedente Sciacca. Rifiuti, ampliato il servizio “porta a porta”: servite altre sei località, ecco quali Successivo "Working in progress" per Dixmude - sugli oceani del Cielo: Salvatore Monte svela la trama

Lascia un commento

*