Modica. Truffava anziani rubandogli pensioni e tredicesime: 58enne arrestato in piazza in flagranza di reato

La Polizia di Modica ha arrestato in flagranza di reato un 58enne, accusato di avere truffato per  anni decine di anziani, sottraendo loro pensioni e tredicesime che sono state restituite alle vittime

L’inchiesta della Polizia è iniziata lo scorso 28 novembre quando in Commissariato si era presentata una donna di 70 anni che ha raccontato ai poliziotti come un uomo – A.E, originario di Pozzallo, tecnico comunale a Modica ora arrestato – da circa un anno, sotto la falsa promessa di potersi adoperare per un consistente aumento della pensione sociale, si faceva consegnare l’intero importo mensile della INPS, millantando la puntuale consegna della somma all’ente erogatore per ottenere altri tipi di prestazioni pensionistiche molto più vantaggiose, con aggiunta di arretrati.

Per convincere le vittime il 58enne truffatore faceva telefonate fasulle verso fantomatici avvocati o professionisti che avrebbero perorato tale causa. Questo alla presenza degli anziani, abusando della loro credulità e della minorata difesa dovuta all’età.

Gli inquirenti dopo un rapido controllo identificavano, tramite foto segnaletiche l’uomo, che risultava avere numerosi e specifici pregiudizi per truffa, falso, usura, ricettazione, oltre ad essere già stato arrestato per analoghi fatti.

Pertanto, al fine di cogliere sul fatto il truffatore, gli agenti avviavano una serie di attività di appostamento, debitamente videodocumentata e tendeva la trappola per incastrare il truffatore.
Veniva quindi predisposto un servizio di appostamento nei pressi dell’Ufficio Postale di Modica – Sorda. Infatti nella mattinata di sabato u.s. i due coniugi “attenzionati”, dopo aver prelevato l’importo contante delle loro pensioni si dirigevano verso via Resistenza Partigiana, dove incontravano A.E. comodamente seduto all’interno della sua autovettura, al quale consegnavano una busta di colore bianco.

Tale riscontro risultava propedeutico all’attività del lunedì seguente, giorno in cui l’uomo avrebbe cercato di prelevare anche la pensione della denunciante, comprensiva di tredicesima.

Ed è stato in questa seconda consegna di denaro che i poliziotti hanno bloccato il 58enne, al quale dopo una perquisizione nel suo ufficio sono stati trovati i soldi, oltre ai dati sulle generalità e fiscali delle sue vittime, mentre nella sua casa è stata trovata una busta con 1300 euro, riconducibili alla pensione e alla tredicesima, somma già restituita ai due coniugi truffati, che hanno anche raccontato di avere consegnato all’uomo negli anni oltre 30 mila euro.

Il truffatore su disposizione dell’A.G. veniva sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione di Modica.

Precedente Sciacca. 29 dic. tombola di beneficenza organizzata dall’Ass. Capurro: i biglietti sono già disponibili Successivo Siculiana. Scontro sulla SS115 tra un furgone e un camion: nell’incidente una persona è deceduta

Lascia un commento

*