Porto Empedocle. Chiama il 112 e dice di volersi suicidare: i Carabinieri lo salvano

Il salvattaggio eroico si deve al carabiniere che ha risposto al centralino, che ha avuto la capacità di far parlare l’aspirante suicida abbastanza da permettere ad una pattuglia di arrivare in casa del 37enne

Aveva chiamato il 112 dicendo che l’avrebbe fatta finita, per “avvisare” o forse come estrema richiesta d’aiuto inconscia. Autore della chiamata è stato un 37enne di Porto Empedocle, in evidente stato confusionale.

A rispondere alla chiamata al 112 è stato fortunatamente un carabiniere dal temperamento lucido, calmo ed attento, che con grande maestria è riuscito a far parlare e sfogare l’uomo che versava in un momento evidentemente molto difficile, per abbastanza tempo da avergli consentito di dare l’allarme e dirottare una pattuglia dei militari dell’Arma di Porto Empedocle che sono giunti sul luogo da cui proveniva la chiamata e trovando l’uomo, lo hanno poi definitivamente dissuaso dal compiere l’insano gesto.

Precedente Gravissimo incidente stradale, un'auto si schianta contro un palo: perde la vita un 69enne Successivo Sciacca. Giovanni Cacioppo alla Sagra del Mare - Festa di San Pietro 2018 - ingresso gratuito