Sciacca, Alluvioni. Curreri (M5s): “Usare Genio Militare per ponti di emergenza e rimodulare Piano Assetto Idrogeologico”

Il Capogruppo del Movimento 5 Stelle, Alessandro Curreri torna sulle comunicazioni del Sindaco e sul proprio intervento in Consiglio Comunale

In Italia si muore di abusivismo, menefreghismo e troppo spesso di burocrazia, non di maltempo. Dove c’è sviluppo e senso del futuro, la tutela ambientale è un tema politicamente importante: bisogna rimodulare subito il Piano di Assetto Idrogeologico”.  Così oggi il capogruppo del M5S Alessandro Curreri.

“La maggior parte delle zone di esondazione – denuncia il consigliere pentastellato – , Verdura, Parte del Cansalamone, Carabollace, non sono inserite nel Piano e questo porta due gravi problemi:
1) resta probabile e possibile nuova edificazione lì dove quei torrenti e fiumi sono a rischio esondazione.

2) se le suddette zone non sono inserite nel Piano, è difficile trovare finanziamenti per la prevenzione del rischio“.

“Bisogna vigilare costantemente sul fondo appena inserito in finanziaria all’ ARS, per la prevenzione del rischio idrogeologico, allo scopo di velocizzare i progetti e attivare il fondo di solidarietà dell’ Unione Europea.

Per la redazione futura di piani e progetti, proprio il personale militare specializzato in ausiliaria potrebbe, in futuro, essere una risorsa come coordinamento o proprio come RUP”, ricorda Curreri, ricollegandosi alla sua proposta accolta de facto dal Sindaco Valenti, di chiedere personale militare in forza al Comune di Sciacca ed a costo zero, essendo personale remunerato dal Ministero della Difesa.

“Altra cosa importante e da non sottovalutare, è procedere subito contro il rischio di isolamento delle periferie a causa di crolli degli attraversamenti: la proposta appena approvata, presentata dal Portavoce del M5S all’ARS, Giovanni Di Caro, di utilizzare personale dell’ESA potrebbe essere ampliata, richiedendo al Genio militare e alla protezione civile di realizzare in caso di necessità, dei ponti provvisori .

Curiamo la natura e snelliamo la burocrazia con l’aiuto di tutti i nostri parlamentari – conclude il pentastellato – altrimenti l’allerta meteo non servirà mai a nulla”.

Politica, Sciacca , , , , , , ,

Informazioni su Sean Gulino

Giornalista Direttore responsabile di Fatti&Avvenimenti. Nato a Partinico (PA), ma saccense. Ha sempre vissuto a Sciacca, dove fin da giovanissimo si è appassionato alla politica locale. Scrive da quando aveva 17 anni, scrive di tutto perché "così è giusto che sia". Ha scritto principalmente per il giornale ControVoce di Sciacca e per il Fatti&Avvenimenti, ma suoi articoli sono apparsi anche sui quotidiani La Valle dei Templi.net, LinkSicilia (MeridioNews), La Voce di New York e tanti altri giornali agrigentini, regionali, nazionali ed internazionali. Da Gennaio 2017 è corrispondente italiano per la rivista francese Lumieres Internationales Magazine. Scrittore a tempo perso. E' anche uno studente di Giurisprudenza. Coltiva da anni la passione della musica e del canto ed ha una sua band. Non chiedetegli cosa voglia fare da grande, perché non lo sa.

Precedente Ribera. Cacciatore di Vicenza con strumenti irregolari uccide 100 uccelli di specie protette: denunciato Successivo Agrigento. Fornisce documenti falsi a immigrato: 24enne arrestato per favoreggiamento immigrazione clandestina

Lascia un commento

*