Sciacca. Differenziata Agosto al 83%, Mandracchia: “Sono stato ostacolato, ma il tempo è galantuomo”

L’ex assessore non dimissionario, si toglie qualche sassolino dalla scarpa:”L’adesione alla campagna mobile è stata contestata da esponenti vicini alla coalizione di governo che mal digerivano un assessore che valutava la convenienza del Comune e non le indicazioni di qualche alleato”

Nel primo comunicato da semplice consigliere di questo mandato, Paolo Mandracchia parla del suo ultimo importantissimo risultato sul fronte rifiuti: il raggiungimento del 82,65% dei rifiuti avviati al processo di recupero, che grandi benefici porterà alla città di Sciacca.

“La raccolta differenziata continua a produrre gli effetti positivi in termini ambientali ed economici.

La percentuale dei rifiuti avviata al processo di recupero è del 82,65%, – comunica oggi Paolo Mandracchia – dato che potrà essere preso in considerazione quando il Ministero dell’ambiente e il DAR della Regione Siciliana modificheranno i codici ministeriali e si avrà la possibilità di inserire nei formulari il prodotto recuperato dall’indifferenziato secco ottenuto dal porta a porta e avviato alla selezione, dal quale si ottiene circa il 60% di prodotto riciclabile con la riduzione dei conferimenti drastica nelle discariche. Tra i tanti vantaggi il sottovaglio ottenuto dalla selezione del secco indifferenziato.

Il mese di agosto segna il picco della produzione dei rifiuti principalmente nelle città turistiche, infatti, abbiamo avuto un aumento di rifiuti di circa 700 tonnellate rispetto ai mesi di giugno e luglio. Aumento di produzione dei rifiuti che ha portato la percentuale della differenziata dal 75,36 al 69% circa, senza tenere conto che nella realtà il prodotto recuperato è pari all’82,65.

Detto aumento si riferisce principalmente ai flussi turistici presenti nelle grandi strutture ricettive e di conseguenza rifiuti indifferenziati.

Nel mese di scorsi gli uffici comunali del III Settore Ecologia e Ambiente hanno valutato l’opportunità di aderire alla campagna mobile approvata dal Dipartimento Acqua e Rifiuti della Regione Siciliana, dopo gli approfondimenti, nella qualità di Assessore all’Ecologia ho ritenuto dare consenso politico, procedura antesignana che ci ha fatto ricevere i complimenti dal Dirigente Generale del Dipartimento Acqua e Rifiuti.

L’adesione alla campagna mobile non ha prodotto solo pacche sulle spalle, ci avvia verso una riduzione drastica del conferimento in discarica, l’obiettivo è di stare sotto una percentuale del 10%.

Oltre al rispetto dell’ambiente, già nel mese di agosto, si è registrata una riduzione dei costi di 23.390 euro, considerati i costanti aumenti dei conferimenti in discarica che vedevano un costo di 82,50€/tn a dicembre 2016 e che oggi hanno raggiunto 224€/tn. Bisogna sfruttare tutte le opportunità messe a disposizione dalla legge e perseguirle senza se e senza ma indipendentemente da chi siano i privati autorizzati dalla Regione Siciliana.

L’adesione alla campagna mobile è stata contestata da esperti del settore vicini alla coalizione di governo che mal digerivano un assessore che valutava la convenienza del Comune e non le indicazioni di qualche alleato, ma i risultati ottenuti sono evidenti e riscontrabili.

Il tempo sarà galantuomo e tante verità verranno a galla”.

Precedente Lampedusa. Zia e nipote in sella ad un motorino cadono a mare: salvati dai Carabinieri Successivo Alcamo. In due rubano borsa con soldi e telefonini in un'agenzia di onoranze funebri: arrestati

Lascia un commento

*