Sciacca, disservizi raccolta rifiuti. Scaduto: “Bono-Sea inadempienti e Direttore del Piano assente”

Stefano Scaduto, portavoce del Comitato per il Costo del Servizio Rifiuti non le manda a dire: “Bono-Sea inadempienti, il Direttore del Piano Aro, la Delta Emme SRLS percepisce 16mila euro per cosa? Il suo operato è assente o misterioso ed il Comune in tuttò ciò resta zitto”.

“Le ditte aggiudicatarie del servizio rifiuti – la Bono-Sea – , come è evidente osservando i cumuli di spazzatura che in questi giorni hanno invaso diversi punti della città, sono inadempienti rispetto alla corretta esecuzione del servizio.

Evidenziamo – dice Scaduto – che di tale situazione non può certo darsi colpa ai lavoratori, dipendenti delle ditte che hanno legittimamente scioperato, per rivendicare il puntuale pagamento delle loro retribuzioni; considerato che non è stata ancora pagata ai lavoratori del servizio rifiuti la mensilità di giugno, benché il Comune di Sciacca abbia pagato quanto dovuto alle ditte, la responsabilità è delle ditte aggiudicatarie che non pagano regolarmente i dipendenti, ditte che dovrebbero chiarire come mai non provvedano al puntuale pagamento dei lavoratori.

Dal Comune di Sciacca, proprio perché in regola con i suoi pagamenti, ci attendiamo che sia forte e determinato nel far rispettare alle ditte aggiudicatarie tutte le prestazioni di servizio, a cominciare dal puntuale pagamento dei lavoratori. Finora, constatiamo che, al di là della formale diffida, l’amministrazione non ha ricordato nella diffida alle ditte che il mancato tempestivo pagamento delle retribuzioni dei lavoratori costituisce causa di risoluzione del contratto.

Evidenziamo inoltre che, le ditte aggiudicatarie non hanno ancora presentato alla città la carta dei servizi, carta che definisce gli standards qualitatitvi e quantitativi dei servizi da rendere alla città. Tale carta doveva essere presentata come da contratto entro il 27 maggio del 2018. Al momento si registra già un grave ritardo di circa 45 giorni, senza che l’amministrazione comunale abbia mostrato interesse e la dovuta determinazione finalizzata ad ottenere la tempestiva presentazione della carta dei servizi.

Nel quadro dell’attuale inadeguata gestione dei servizi rifiuti, evidenziamoinfine che è del tutto invisibile finora la figura del Direttore del Piano Aro, che è stato individuato nella società Delta Emme S.r.l.s., che percepisce circa 16.000,00 euro annui per la vigilanza sulla corretta esecuzione del Piano Aro, ed il cui operato è tuttora un mistero.

In merito all’attività assente o misteriosa del Direttore del Piano Aro, si registra il totale ed inspiegabile silenzio dell’amministrazione comunale, come se la stessa volesse limitarsi a pagare il Direttore, senza chiedere riscontro alcuno in merito al suo operato.

Ribadiamo – conclude Stefano Scaduto a nome del Comitato – la nostra richiesta di un incontro con l’amministrazione comunale,con le ditte aggiudicatarie, con il Direttore del Piano Aro, per discutere della bozza della carta dei servizi, delle modalità d’azione del Direttore del Piano Aro, soprattutto in relazione alle segnalazioni che quest’ultimo dovrebbe ricevere dai cittadini sullo svolgimento dei servizi e sulle diffide e sanzioni che il Direttore del Piano Aro è obbligato a comminare alle ditte aggiudicatarie per inadempimenti e disservizi”.

Precedente La Nebrosport pronta a decollare al 23° Slalom Rocca Novara di Sicilia Successivo Mafia. Uomo fatto a pezzi con motosega e dato in pasto ai maiali: tornano in carcere i fratelli Nicosia

Lascia un commento

*