Trafficante (Unsic). Trivellare nella Foce del Fiume Platani è follia che va fermata, per la salvaguardia del Turismo

Stefano Trafficante esponente Sindacale dell`Unsic Territoriale Ribera, interviene sulle possibili trivellazionia ridosso della Riserva Naturale Foce del Fiume Platani, che descrive come una follia che va fermata, per la salvaguardia del Turismo

“Trivellare a ridosso della Riserva Naturale Foce del Fiume Platani, – scrive Trafficante inn un nota – sarebbe un danno enorme per il nostro territorio, soprattutto questa zona non deve essere violata e saccheggiata, ma rimanere un sito naturalistico di incomparabile bellezza da sfruttare ai fini turistici in un sito così prezioso, un’area a monte della foce del fiume Platani, Sito di importanza comunitaria (Sic) protetto dalla Comunità europea, un territorio, dunque continua il Sindacalista, che merita assoluta protezione in quanto considerato tra i più fertili della provincia agrigentina proprio perché interessato da colture intensive di alta qualità tra le quali:

la pregiata Arancia di Ribera che di recente ha ottenuto – il riconoscimento di Arancia a Denominazione di Origine Controllata (D.O.P.). E poi ancora le Olive della varietà “Biancolilla”, (I.G.P.) e la famosissima “Fragolina di Ribera”, riconosciuta anche come Presidio Slow Food.”

Da come si apprende – conclude l’esponente Sindacale dell`Unsic – La Società “General Mining Research Italy” al momento non ha ancora ottenuto l’autorizzazione a trivellare a ridosso della Riserva Naturale Orientata “Foce del Fiume Platani” per la mancanza del VIA, la battaglia dunque non e’ finita, il mio auspicio, conclude Trafficante, è che il Governo Regionale si mobiliti per fermare al piu presto questa follia”.

Trafficante Stefano ricordiamo ex esponente del NCD si era schierato per il SI al Referendum del 17 Aprile 2016 per dire NO alle trivellazioni.

Precedente Siculiana. Immigrato “ospite” del centro accoglienza rapina un ambulante: arrestato Successivo La Marathon Club Sciacca, domenica 10 Giugno in gara ad Aragona

Lascia un commento

*