Truffa anziani. Ladre si fingono dottoresse dell’Inps: scoperte e prese a bastonate da ultra 80enne

Due donne si presentano a casa di un anziano spacciandosi per medici INPS inviate per una visita medica e tentano di derubarlo, ma la “vittima” capisce tutto, prende un un bastone e si scaglia contro le ladre

È accaduto in un’abitazione di via Pennisi, a San Giovanni La Punta, piccolo Comune a ridosso di Catania. Due finte dottoresse dell’Inps, più volte segnalate nella zona, hanno tentato un altro colpo, ma stavolta è andato male.

Ma vediamo i precedenti. Da qualche tempo, sul territorio di San Giovanni La Punta, si segnala la presenza di due finte dottoresse, vestite in maniera distinta e professionale inviate dall’Inps per eseguire visite mediche, sempre su persone anziane e che vivono da sole. I casi accertati al momento sono due. Il primo ai danni di una donna di 89 anni residente in via della Regione alla quale hanno rubato tutti i gioielli che aveva addosso e il secondo nell’abitazione di un 80enne residente a Trappeto, che è riuscito a farle fuggire.

A questi precedenti, si aggiunge il caso dell’ultra 80enne residente in via Pennisi. Come negli altri due, le finte dottoresse dell’Inps, suonano alla porta e chiedono di entrare in casa per una visita medica, rassicurando la vittima che la visita è stata richiesta dai figli. Poi una volta entrate in casa, cercano di arraffare ciò che è di valore e fuggire di corsa. Ma stavolta le cose non sono andate come previsto, l’anziano infatti, intuendo la truffa, è andato in un altra stanza a predndere un bastone, con il quale ha incominciato a picchiare le due donne, che, probabilmente sorprese dalla reazione della vittima, si sono date alla fuga senza portare via nulla.

Non si sa se ci sono stati di altri casi simili a San Giovanni La Punta, anche perché molti anziani spesso non trovano il coraggio di denunciare, ma l’allarme è lanciato.

Precedente Terrasini. 40Enne cade da un albero di carrube e sbatte la testa: è in gravi condizioni Successivo Mazara. La Guardia Costiera ritrova 80 kg di hashish mimetizzati da galleggianti all'ingresso del porto